Casa museo
Villa Lanfranchi

Una villa di campagna, dal sobrio corpo seicentesco, che si annuncia attraverso un immoto giardino all’italiana abitato da statue.

Foto by Edoardo Fornaciari

Villa Lanfranchi


Villa Lanfranchi, già Ca’ Fusari, è situata a Santa Maria del Piano, frazione di Lesignano de’ Bagni, in provincia di Parma. Costruita nel XVI secolo, è una delle ville più antiche del Parmense.

La fondazione

Nasce per volontà testamentaria di Mario Lanfranchi, con lo scopo di promuovere attività culturali e artistiche che abbiano come tema la donna o comunque ispirate alla figura femminile.

Mario Lanfranchi

Maestro: così era abitualmente chiamato Mario Lanfranchi, appellativo che, nato in teatro, si era esteso negli infiniti campi del suo vasto sapere.

Tante vite in una sola: cinema, televisione, autore di programmi e caroselli, collezionista di una delle più importanti raccolte private d’arte italiana, uomo rinascimentale, in grado di riconoscere la bellezza all’istante.

Il regista sul set di La Traviata con Anna Moffo

APE Parma Museo Si inaugura il 20 giugno la mostra dedicata a Mario Lanfranchi. Un incontro/studio la mattina del 27 giugno con esperti e amici.

Fondazione Mario Lanfranchi è lieta di comunicare che il 20 giugno all’APE Parma Museo, ore 17,30, avrà luogo l’inaugurazione della mostra “Le molte vite di Mario Lanfranchi. La casa in scena”, un racconto per oggetti e immagini accompagnato da un ampio percorso fotografico a firma di Luca Gilli. La mostra, realizzata in collaborazione con Fondazione Monteparma, resterà aperta dal 21 giugno al 31 luglio.

Sempre negli spazi di APE Parma Museo il 27 giugno, ore 10,30 avrà luogo l’incontro “Mario Lanfranchi regista. Esperti e amici in dialogo“, tra i relatori il critico musicale Angelo Foletto.

“Maestro” era chiamato abitualmente Mario Lanfranchi, regista di molti programmi della televisione delle origini, la sua firma apprezzata anche oltreoceano per l’opera lirica e grandi eventi. Regista anche di cinema, ha realizzato film dai generi più vari, western e dramma, poliziesco ed erotico, l’ultimo, “Venezia, carnevale, un amore” al confine con il musical, protagonisti Carla Fracci e Rudolf Nureyev. 

 La mostra  svelerà solo in parte il multiforme ingegno di Mario Lanfranchi, tra i maggiori collezionisti d’arte del dopoguerra: tante le passioni che l’hanno coinvolto a ondate, il rugby, le corse dei cavalli e il ciclismo, il biliardo e il tiro a volo, i ferri battuti e i levrieri. Meglio: il levriero, El Tenor, ancora imbattuto il suo record di vittorie, le pareti di una grande sala colma di trofei. Assai ricca la raccolta di film, oltre 20.000 titoli, alcuni molto rari, frutto di elaborati scambi anche internazionali.

Scelti in villa per l’esposizione autografi di attrici e attori, libri antichi, stampe, corrispondenze farnesiane, penne da collezione. E molto altro ancora, come la collezione di sonaglietti d’argento settecenteschi. Con la possibilità di lasciarsi catturare  dalle immagini di “Traviata”, film opera, protagonista Anna Moffo, moglie di Mario Lanfranchi. Nella sala proiezione di APE Parma Museo scorrerà il documentario realizzato con l’Università di Parma.

Mario Lanfranchi, Sant’Ilario d’Oro, resta  figura di cui è impossibile tracciare i confini, lasciando a ogni incontro la voglia di saperne di più. Luca Gilli non aveva avuto occasione di conoscere Mario Lanfranchi, ma, tornato più volte nella casa, ha saputo coglierne diversi caratteri, svelando con sensibilità, attraverso le immagini della casa che tanto la rispecchia, l’inquieta, caleidoscopica personalità del Maestro che, negli ultimi anni, dopo aver abitato a Milano, Londra, New York e Roma, era tornato alla dimora delle origini, nella cinquecentesca casa della sua infanzia a Santa Maria del Piano, riconosciuta Casa d’Illustre e ora aperta al pubblico.

Vi aspettiamo!

Contattaci